Dopo il temporale

Archivio per giugno, 2012

“Passare col rosso” su Fuorilegge.org


Ringraziamo Fuorilegge.org per la bella recensione di “Passare col rosso” di Hélène Vignal.

L’articolo originale di Paola Bertolino lo trovate qui.

Sette brevi capitoli, sette come i giorni della settimana, e altrettanti flash della nuova vita di Boris ora che è entrato alle medie.
Vita nuova? Forse, ma soprattutto un piccolo inferno, battaglie da combattere un giorno dopo l’altro perché devi essere vestito giusto…

Andava avanti così da tre mesi: da quando avevo iniziato la scuola media su come vestirsi c’era da perderci la testa. p.9

perché devi accodarti nelle risse o nel prendere di mira i più deboli, perché non puoi essere te stesso e ammettere che in fondo certi prof  ti sono simpatici.

Corentin ha detto delle cose sulla prof di tedesco. Non avevo mai sentito parlare così di qualcuno. Secondo me esagerava, ma ho riso lo stesso come gli altri. p.21

Che sollievo sarebbe poter spostare le lancette dell’orologio.

Avrei voluto (…) che la prima media non fosse mai iniziata per me e che Corentin non fosse mai esistito.

Mi sono ritornate in mente la mia vecchia quinta dove non c’era Corentin, ho ripensato alla mia maestra, alla mia bella scuola tutta colorata dove io ero tra i grandi, quelli sicuri di sé. Una scuola dove se volevi, potevi metterti le scarpe rosse. p 23-24

Così Boris, anche se a volte si nasconde nei bagni e piange e vorrebbe tornare indietro, finisce sempre per accodarsi ai prepotenti, a quelli che gridano più forte, si ritrova a fare il buffone in classe per far ridere i compagni, prende note e, senza riuscire mai a dire di no, si ritrova in un guaio più grande di lui.

E più grande di lui diventa il disagio, quel nodo che sente dentro e che non si scioglie.

Come trovare le parole per un grumo di pensieri e di emozioni che tutto d’un colpo gli sono piovuti addosso, che non riesce a decifrare perché non facevano parte della sua vita?

Ma poi le parole vengono fuori e come un fiume in piena racconta tutto, ma proprio tutto, a suo padre. Un papà che lo ascolta, che lo aiuta a leggersi dentro e a capire, che senza prenderlo per mano gli cammina a fianco.

Così si può trovare una strada nuova, diversa, perché c’è sempre un’altra possibilità.

Passare col rosso, di Helène Vignal, CameloZampa 2012