Dopo il temporale

Archivio per la categoria ‘Ultraviolet’

ULTRAVIOLET è finalista al Premio Letteratura Ragazzi


testata_premio_letteratura

 

Ebbene sì, ci eravamo dimenticate di darvi la grande notizia anche da queste pagine:

0051_Ultraviolet_front coverULTRAVIOLET è nella terna dei finalisti al Premio Letteratura Ragazzi!

Non ci credete? Non ci credevamo nemmeno noi! (Abbiamo fatto un’altra delle nostre famose figure al telefono, quando ci hanno chiamato per darci la notiziona). E invece eccolo lì, potete ammirarlo direttamente sul sito del Premio, eccolo lì – dicevamo – tra gli altri due finalisti, che ti guardano dritti negli occhi, mentre lui ha la sua Lucy in copertina che chiude gli occhi e sogna… Un po’ come stiamo sognando noi in questi giorni!

Se non conoscete questo Premio, leggete come funziona sul sito che vi abbiamo linkato e soprattutto parlatene ai vostri insegnanti. Sì, perché la prima fase della selezione è svolta da una Giuria Tecnica di Esperti che determina la terzina dei finalisti, ma la fase finale, quella che sceglie la composizione del podio, è in mano alla Giuria Popolare, ossia a VOI studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado! Ogni anno potrete candidare la vostra classe per leggere i bellissimi libri selezionati.

Sì, perché come dice il motto, questo prestigioso concorso “premia chi scrive, vince chi legge”!

Incrociamo le dita e aspettiamo i risultati con le farfalle in pancia!

Annunci

Ultraviolet è finalista al Premio Libro Giovani 2012/13


Bene, ci siamo buttati alle spalle questo 2012 chPremio Libro Giovanie ha avuto la compiacenza di finire in bellezza per quanto riguarda i nostri libri.

Ci è infatti arrivata dal Comune di Desenzano la bellissima notizia che avete letto nel titolo: Ultraviolet è nella rosa dei finalisti al Premio Libro Giovani.
La cosa ci ha colte di sorpresa, soprattutto perché non sapevamo che Ultraviolet fosse in lizza per alcunché!
Leggere chi saranno i diretti concorrenti del nostro librino  fa un po’ impressione, però l’importante è che lui sia lì in mezzo, giusto?

La cosa più bella, però, è come è stato architettato questo concorso: verrà sì decretato un libro vincitore, ma il vero vincitore sarà un lettore.
Infatti la sfida sarà tra ragazzi dai 14 ai 20 anni, che dovranno leggere i libri candidati ed elaborare un commento critico o un booktrailer. Il migliore sarà premiato con un cospicuo buono acquisto per… altri libri!

Geniale, no? Si incoraggia la lettura, lo spirito critico, la capacità di esprimersi creativamente e nuovamente la lettura.

Non so chi abbia inventato questo Premio, però si meriterebbe un premio anche lui 🙂

Per maggiori informazioni, questo è il sito del concorso Premio Libro Giovani: www.onde.net/librogiovani/

 

Ultraviolet recensito su BookAvenue


Riportiamo qui di seguito la recensione (sentita!) che Isabella Paglia ha scritto per Ultraviolet su BookAvenue.it, nella sua rubrica Piccoli lettori crescono. Grazie a Isabella e a tutta la redazione di BookAvenue. L’articolo originale e completo di scheda lo trovate qui.

“… Ogni volta che la mamma riparte con la solita solfa che “era meglio prima”, mi viene voglia di chiederle:
“Ma allora, se ti piaceva così tanto quella vita, perché hai sposato un pastore senza soldi che aveva scelto di venire a seppellirsi nell’Ovest?…”
Ma una ragazza di tredici anni non può veramente rivolgere certe domande a sua madre.
Tanto più che, se la madre in questione non avesse sposato il pastore in questione, la ragazza in questione non sarebbe nemmeno qui a porsela, la questione.
Sì, insomma … Ci siamo capiti! …” (pag.27)

Il 29 luglio 1936, Lucy Larson, figlia di un pastore in una piccola comunità, festeggia i suoi tredici anni decidendo di scrivere un diario in cui annotare tutto ciò che non si può dire: il suo amore per le parole, la sua ribellione contro la famiglia, l’ordine, il decoro, la sua ambizione per un futuro diverso, di giovane donna lontana dalla figura remissiva della madre, senza mai smettere di interrogare il mondo che la circonda.
Ci troviamo nel Canada della Grande Depressione, in un angolo sperduto, nel mezzo del nulla, in pieno crollo del mercato azionario dove la crisi economica imperversa aggravando scontri sociali e fondamentalismi di religione e razza.
Durante un’estate soffocante, scandita dalla frase: « … Era molto meglio prima » ripetuta dalla madre di Lucy come una litania,  in una quotidianità dove tutto è razionato dai sentimenti al cibo, il Pastore Larson sfama i poveri, accogliendo in casa la figura dubbia e affascinante del Dott. Beauchemin (cognome quasi profetico, bel cammino) che alimenterà a sua volta le mille domande della giovane protagonista.
Lucy ragazzina intelligente e molto acuta, stretta nell’ambivalenza dell’adolescenza, dove gli adulti intorno a lei la trattano da bambina o da donna a seconda della convenienza, incontrerà nel medico vagabondo la scoperta del libero arbitrio e un ”cammino” nuovo dove posare i primi passi per crescere …
Lucy è una funambola, come tutti gli adolescenti di qualsiasi epoca, in equilibrio tra il desiderio e la paura, la rivolta e il sacrificio, le abitudini e le nuove verità acquisite in bilico sul filo della vita, sulle due opposte estremità: infanzia ed età adulta.
Ultraviolet, prende il titolo da un breve ma importante episodio della protagonista che non vi voglio svelare perchè la lettura è davvero trascinante e fa parte della nuova collana della casa editrice Camelozampa: “Arcobaleni”,  dedicata ai preadolescenti.
Una collana che, con i suoi diversi colori, invita i ragazzi a riflettere su temi mai banali racchiusi in storie coinvolgenti che fanno crescere pagina, dopo pagina.

Ultraviolet di Nancy Huston recensito su Andersen di aprile!


Grazie alla redazione di Andersen e in particolare a Caterina Ramonda che ha saputo raccontare così bene Ultraviolet!